Tutti i post in: Poesie

  destino di gatto steso al sole di ossa lasciate ad asciugare di calendario costretto a saltare i giorni buoni di furti ai galeoni sotto stelle vere e finte con le guardie già pronte in spiagge notturne destino di barchetta carica di tesori nella penombra e un oscillare un oscillare tale che il naufragio sembra l’unico destino possibile. Marco Zangari © 2017...

Ragazzo che cammina da solo silenzioso quasi adulto passa e noi lo guardiamo pensiamo chissà cosa gli gira in testa chissà cosa trama avrà già capito tutto avrà capito come va avrà dovuto capire è geniale è pazzo è sicuramente pericoloso ci odia, ci odia tutti ha qualcosa che non va dobbiamo lasciarlo stare Pericoloso, pensiamo, pazzo mentre lui è già passato senza che nessuno si sia chiesto se quello è soltanto un ragazzo che cammina da solo. Marco Zangari © 2016...

  il cielo stellato disteso sopra le palme dell’estate finita e di quella mai arrivata la cassetta delle lettere piena di avvisi di garanzia pubblicità di pizze e memorandum d’innocenza che finiscono per mischiarsi le auto che sfrecciano ubriache la sveglia presto il tutto da fare rimandare aspettare cercare pace nell’ultima sigaretta del giorno spegnere sperare solo questo.     Marco Zangari © 2017...

    quando ero giovane immaginavo il palazzo dove stavo abitato da tutti gli scrittori che mi aiutavano a vivere facendomi dimenticare della vita -in una stanza sul retro John Fante si muoveva in circolo furiosamente disperatamente sempre aspettando Camilla da quel balcone ingombro di carte appallottolate -Pirandello metteva su il caffè la mattina presto poi si infilava in bagno per evitare Saroyan & il suo insulso chiacchierare di favole & sole -a Céline bisognava passarlo da sotto la porta solo le sue donne potevano entrare -Hemingway spuntava per pranzo portando pesci & storie difficili da credere -tutti a tavola con Miller che chiedeva prestiti alle pance piene e sognava solo di fuggire -nella stanza accanto Kerouac e gli altri tenevano la musica alta e riuscivano a far incazzare tutti essendo...

  nessuno scrive poesie di lunedì sera nessuno fa rivoluzioni con il malditesta nessuno si aspetta un sorriso nel treno verso casa   nessuno immagina mai la pioggia quando c’è il sole   e viceversa.     Marco Zangari © 2017...

  se non è la stanchezza è la macchina che non parte se non è la macchina sono i casini con la tua donna se non è la tua donna è l’eccesso di lavoro o la mancanza di lavoro o il lavoro se non è il lavoro è l’otturazione ai denti da rifare o quella strana macchia che ti devi ancora far controllare se non è la macchia sono le telefonate che devi ancora fare se non sono le telefonate è il mal di vivere che provi a curare quando tutto intorno è notte se non è il mal di vivere sono mille pensieri quotidiani come una nuvola spezzettata in tanti piccoli, ostinati temporali che...

il punto non è le domande che mi fai ma le risposte che mi appiccichi addosso lo so, dico sempre -è una lunga storia- e con questo intendo tutto a quel punto mi tuffo nel bicchiere sperando di cogliere la visione di com’è la vita su una spider con altre persone giugno, il mare e occhiali da sole -com’è, su quelle barche che non saprei nemmeno portare -com’è, in quelle teste senza alcun pensiero se non –prossimo pasto prossima cagata andare al lido venerdì sera- -com’è, quando ti hanno sistemato tutte le buche per strada e devi decidere solo con che auto correrci sopra -com’è, in quei viaggi per pochi quei locali per pochi anche se...

I culi delle mamme bionde di fronte all’oceano sono tutto quello che ci siamo dimenticati indietro -chiare, rotonde tra la sabbia e l’abbandono di un giorno qualunque Come le scopate all’improvviso le risate per niente le chiacchiere tutta la notte quel certo odore di casa quel certo amore nella tempesta Tutto perso mentre le mamme bionde continuano a prendere il sole da sole e il cielo è solo blu che scompare. Marco Zangari © 2012  ...

ogni tanto mi sento come se ogni anno fosse stato 100 guerre e ogni guerra mille battaglie mi sento che non è ancora finita che non finirà mai mi sento di stare qui a guardare la gente che esce dalla chiesa dopo la messa e toccarmi sentendomi in colpa sentendomi niente mi sento come se dovrei fare qualcosa mi sento come se non so cosa cazzo sia mi sento che questo malditesta mi ucciderà insieme a incubi umidi e notti col fucile puntato mi sento come se il mio capo ha ragione a dirmi cosa fare e a farsi succhiare dalle segretarie mi sento come se hanno ragione tutti mentre la messa finisce ancora una volta e loro possono tornare...

    Onde che lasciano segni dai contorni confusi a lambire impronte nette precise di amicizie che partono da troppo lontano e finiscono per perdere la rincorsa Onde che cancellano le impronte Onde che portano a riva il profumo forte e dolciastro di ragazze pelle liscia di ragazze mani sorprese di ragazze che non sarebbero rimaste ragazze a lungo ma non lo sapevamo e loro forse sì Onde che ora scoprono ora celano scogli improvvisi, neri, lucidi a rompere la superficie a sposare le tempeste Onde che vanno avanti e indietro avanti e indietro per inerzia costruendo cancellando estate e inverno fino a cadere a cedere al peso indifferente di tutte le altre onde.   Marco Zangari © 2016  www.marcozangari.it Pagina Facebook: Marco Zangari ...