Scrittore Latino Australiano | Marco Zangari
Scrittore italiano emigrato a Sydney, autore di Latinoaustraliana, che racconta la vita dei giovani italiani trasferiti in Australia in cerca di lavoro.
864
home,paged,page-template,page-template-blog-large-image-simple,page-template-blog-large-image-simple-php,page,page-id-864,paged-4,page-paged-4,,qode-title-hidden,qode_grid_1300,qode-content-sidebar-responsive,transparent_content,qode-child-theme-ver-10.0,qode-theme-ver-10.0,wpb-js-composer js-comp-ver-4.12,vc_responsive

  Si fa presto a dire –Rivoluzione! quando con occhio di caffè leggi di menti brillanti che esprimono opinioni geniali idee mai concepite concetti innovativi -l’amore è bello! la guerra è da evitare! i politici sono tutti ladri!- e li vedi nelle loro stanzette che sanno di calzini vecchi e sogni inaciditi li vedi con tute e magliette sformate i capelli non fatti che cambiano il mondo con pochi semplici tocchi prima di andare a tavola che è pronto di litigare con mogli e mariti di farsi prendere per fame da capi e professori prima del clacson verso il lavoro di un’altra giornata vissuta pericolosamente tra panini e rinunce e...

  C’è stato un tempo di notti a un respiro solo lento e ubriaco notti gelide e stellate mortali e perfette ultime e piene di promesse C’è stato un tempo di giorni andati a male perduti, lasciati dimenticati e mai scordati lunghi e corti e da superare C’è stato un tempo in cui non ce ne fregava un cazzo di morire fin quando, fra tutta quell’immondizia, quel fumo quel dolore potevamo ancora farci un bicchiere e potevamo ancora sognare C’è stato un tempo in cui i biglietti erano di sola andata e i sogni ancora lì intatti C’è stato un tempo.     Marco Zangari © 2009 www.marcozangari.it Pagina Facebook: Marco Zangari  ...

  Era stato un viaggio allucinante, sudato e stanco, schiacciato contro una madre con la figlia di 3 anni che non aveva smesso di piangere un secondo da Sydney a Dubai, tanto che mi sembrava di averla ancora nelle orecchie nel secondo volo fino a Roma. Avevo dormito un po’, avevo mangiato. Mi ero ritrovato a camminare con piedi pesanti tra i terminal, a togliermi le scarpe al metal detector fingendo lo stupore della prima volta, a pisciare giusto per abitudine, e per ingannare le enormi attese tra un...

  Saltare un lunedì saltare i pasti saltare la corda Saltare gli ostacoli saltare le cacche di cane saltare i “te l’avevo detto” Saltare le ovvietà saltare le notti di sonno saltare le cose da fare Saltare i convenevoli saltare gli appuntamenti saltare da una finestra Saltare le battute idiote saltare i drammi saltare le parti noiose dei porno saltare   Atterrare poi è un altro discorso.   Marco Zangari © 2017 www.marcozangari.it Pagina Facebook: Marco Zangari...

  Ogni volta che dici qualcosa di banale non stai dicendo niente (come me adesso) Ogni volta che auguri buongiorno che discuti il tempo che mastichi titoli di giornale a caso in realtà stai dicendo – non mi importa stai dicendo che non ne vale la pena stai conservando energie mentali per domeniche mattina e giovedì piovosi Ogni volta che usi il Tempo per dire cose stupide stai pisciando in faccia al Tempo -e Lui è uno che segna sempre tutto Nei bus, negli ascensori davanti alle macchinette del caffè degli uffici stai perdendo un’occasione Ogni volta che dici cose piccole senza sentirle diventi piccolo anche tu.   Marco Zangari © 2017 www.marcozangari.it Pagina Facebook: Marco Zangari...