Scrittore Latino Australiano | Marco Zangari
Scrittore italiano emigrato a Sydney, autore di Latinoaustraliana, che racconta la vita dei giovani italiani trasferiti in Australia in cerca di lavoro.
864
home,paged,page-template,page-template-blog-large-image-simple,page-template-blog-large-image-simple-php,page,page-id-864,paged-37,page-paged-37,,qode-title-hidden,qode_grid_1300,qode-content-sidebar-responsive,transparent_content,qode-child-theme-ver-10.0,qode-theme-ver-10.0,wpb-js-composer js-comp-ver-4.12,vc_responsive

  – Scovai un muro pieno di nomi. Era il Welcome Wall, e quelli erano solo alcuni dei milioni di emigranti che avevano fatto di Oz la loro casa. Dando un’occhiata veloce, si trovavano tantissimi nomi italiani. Ti chiedevi come doveva essere stato, arrivare dopo un viaggio così lungo in una terra sconosciuta, dove fa caldo a dicembre e freddo ad agosto. C’erano delle frasi di alcuni emigranti. Alcuni dicevano di essere scoppiati a piangere, all’arrivo. Altri avevano paura. Non vedevano città, case, niente. Un’altra lingua, un altro clima....

  La casa era tutta dipinta di giallo un giallo senza luce e senza forza -tutta, anche le grondaie le finestre e le porte Il tetto era formato da tegole un tempo verdi abbrustolite dal sole graffiate dal vento E sotto il tetto una scritta “FUNERAL HOME” Davanti alla casa un paio di auto parcheggiate perse sotto un cielo terribilmente blu Tutte le altre auto sfilavano lentamente davanti bloccate nel traffico sprecavano carburante, intente ad avvolgere tutto nel loro fumo a non riuscire a pensare oltre l’ora di pranzo a desiderare solo che fosse sera per poter finalmente tornare a casa. Marco Zangari © 2014 www.marcozangari.it Pagina Facebook: Marco Zangari Poesia contenuta in "Chi ha bisogno di Rivoluzione quando invece può andarsene...

  Quando ti trovi a dover aspettare l’esito, potenzialmente negativo, di qualcosa, cominci inconsciamente ad escludere alcune parole e associazioni dalla tua mente. Almeno, io faccio così. È il mio solito pilota automatico, che entra in funziona non appena si alza la nebbia (una più spessa del solito, in ogni caso) e non si riesce più a distinguere bene quello che c’è davanti. A quel punto, ci sono solo due scelte: o bloccarsi ed aspettare che la nebbia passi, o tirare dritto con quello che si ha, contando, di...