Scrittore Latino Australiano | Marco Zangari
Scrittore italiano emigrato a Sydney, autore di Latinoaustraliana, che racconta la vita dei giovani italiani trasferiti in Australia in cerca di lavoro.
864
home,paged,page-template,page-template-blog-large-image-simple,page-template-blog-large-image-simple-php,page,page-id-864,paged-8,page-paged-8,,qode-title-hidden,qode_grid_1300,qode-content-sidebar-responsive,transparent_content,qode-child-theme-ver-10.0,qode-theme-ver-10.0,wpb-js-composer js-comp-ver-4.12,vc_responsive

  I caffè degli ospedali fanno sempre schifo di uno schifo diverso da quello dei caffè degli uffici delle fabbriche delle sale d’attesa delle stazioni Hanno un retrogusto amarissimo che ti brucia la lingua ti spezza la voce e per quanto zucchero possa metterci sa sempre di monetine e giorni di pioggia Ti sveglia male sempre nei momenti sbagliati spesso la notte tardi quando ormai sei solo Ti sveglia senze energie perso nell’attesa e tutto quello che ti resta è ordinarne un altro sperando che non faccia così schifo.   Marco Zangari © 2018 www.marcozangari.it Pagina Facebook: Marco Zangari  ...

  Forse è vero forse avrei dovuto essere diverso avrei dovuto buttar fuori la spazzatura e magari dormire di più Avrei dovuto usare in maniera diversa la mia istruzione o magari non farmene nessuna Forse avrei dovuto pensare di più a me e optare per una dieta bilanciata Avrei dovuto fermarmi a riflettere, ogni tanto e ogni tanto dare qualche calcio in culo in più Avrei dovuto fare ed essere tante cose ma so che questa poesia è venuta fuori proprio come volevo E tanto mi basta.   Marco Zangari © 2018 www.marcozangari.it Pagina Facebook: Marco Zangari  ...

  Le parole ci sopravvivono e restano alla fine del giorno e restano quando il corpo lascia spazio ai ricordi Le parole resistono più di noi al nostro dolore anche quando sono nate da esso e ce lo spiegano e ci consolano e sono molto più forte di lui Le parole vanno al di là dei giorni bui perché sono madre e creazione primordiale e non conoscono le nostre beghe e non gli importa niente della morte Le parole sono sangue che sopravvive al sangue figli oltre il tempo segni nella roccia che resistono alle tempeste accompagnando questo cammino oscuro e improvvisato con le loro luci che lo rendono immortale.   Marco Zangari © 2018 www.marcozangari.it Pagina Facebook: Marco Zangari  ...

(La versione originale di questo post è stata pubblicata su Hotel Morgana il 3 luglio 2014. Durante i Mondiali, of course).   I Mondiali di calcio non sono mai un evento neutro, anche per coloro (mi verrebbe da dire: soprattutto per coloro) a cui non frega niente del calcio. Avevo pronti un paio di pensierini sulla polarizzazione del pensiero durante questo evento (roba da farmi denunciare da centinaia di sociologi), su come ventidue tizi che rincorrono una palla riescano a tirare fuori il bello e il brutto (a volte insospettato) da ognuno. Su come venga fuori...

  Certe mani hanno linee confuse difficili da spiegare come le ragioni delle partenze Linee che restano le stesse anche quando cambia il colore degli anni Linee precise che poi sfumano come propositi della domenica Linee che raccontano una storia unica e banale sbagliata e benedetta contorta sfuggente solo nostra.   Marco Zangari © 2018 www.marcozangari.it Pagina Facebook: Marco Zangari  ...